Associazione Ideali e Valori
Difendiamo la verità affinchè la giustizia possa tutelare gli interessi collettivi ...
Jan 2014

Lettera di solidarietà al Sindaco Tambellini da parte di Lilio Giannecchini

Lucca, lì 30 gennaio 2014

Lettera aperta al Sindaco di Lucca Alessandro Tambellini

OGGETTO: Lettera di solidarietà al Sindaco Tambellini da parte di Lilio Giannecchini

Egregio Sindaco,
ho appreso con un po' di ritardo della odiosa azione di provocazione compiuta nei suoi confronti, per la quale le offro la mia piena solidarietà, che lei dovrebbe apprezzare in misura maggiore in quanto proveniente da un vecchio combattente partigiano che ha subito anche l'aggressione fisica a colpi di bastone la scorsa vigilia di Natale. La mia solidarietà la dovrebbe particolarmente apprezzare non solo per questo motivo ma anche per il fatto che gliela offro, dimentico della sua mancata solidarietà nei miei confronti in quell'occasione nonché del ruolo da lei svolto relativamente alla mia esautorazione dalla Direzione dell'Istituto Storico della Resistenza di Lucca, da me portato ai primi posti, con il pretesto della mia lettera personale inviata al prof. Sereni, per la quale sono stato incriminato, tra grandi proclami e clamori dei mezzi di informazione, ed assolto da un magistrato onesto ed imparziale nell'assordante silenzio degli stessi mezzi di informazione; all'esautorazione ingiusta sarebbe dovuta seguire il reintegro nelle funzioni da me espletate.

Né questo è stato il peggior effetto delle azioni congiunte portate contro di me nell'assoluta indifferenza dei mezzi di informazione, che in qualche caso hanno pubblicai solo piccoli spunti tipo “gossip”: sono stato escluso illegittimamente dal palco delle celebrazioni di tutte le cerimonie relative alla Resistenza, io che ho combattuto nelle Resistenza ed ho dedicato la mia vita e la mia opera per mantenerne viva la memoria. Tra gli effetti possibili c'è stata quella dell'aggressione fisica alla mia persona e delle offese e minacce alla sua persona.

Tutto ciò dovrebbe costituire per lei momento e motivo di riflessione.

Cav. Lilio Giannecchini, detto Toscano
Vice-Comandante della Brigata Partigiana “Oreste”