Associazione Ideali e Valori
Difendiamo la verità affinchè la giustizia possa tutelare gli interessi collettivi ...
Jun 2012

Programma relativo alla cerimonia di domani a Fiano

Spett. Redazione,
in merito all'oggetto si trasmette il programma relativo alla cerimonia di domani a Fiano.
20120628_Manifestazione Don Aldo Mei

Di seguito trasmetto l'SMS inviato a Don Rodolfo Rossi:

"Don Rodolfo, per la commemorazione di domani le chiedo formalmente di riservarmi un posto d'onore quale legittimo custode delle memorie del Martire Don Aldo, per degnamente commemorarlo. Con ossequi Cav Lilio Giannecchini"

Cav. Lilio Giannecchini

20120628_Manifestazione Don Aldo Mei

20120628_Manifestazione Don Aldo Mei_2

20120628_Manifestazione Don Aldo Mei_3

Precisazioni sulle illazioni avanzate da una anonima postatrice su un blog internet

Adesso la colpa di Lilio Giannecchini è quella di aver abbracciato la resistenza troppo giovane: aveva solamente 20 anni quando contribuì in maniera importante alla resa del Generale tedesco Von Meinhold (questa è la maligna considerazione di una malevole anonima commentatrice, non si sa quanto disinteressata).

Il documento che pubblichiamo in estratto, tratto dal libro "Da Empoli a Genova 1945" ed. La Pietra, è la testimonianza di Remo Scappini, Presidente del Comitato di Liberazione Nazionale per la Liguria, che materialmente firmò la resa, che illustra il contributo della Brigata Oreste, di cui Lilio Giannecchini era vice-comandante a soli 20 anni, nelle azioni che determinarono la resa di Von Meinhold.

DaEmpoliaGenova_321

DaEmpoliaGenova

Precisazione su notizie comparse sul sito MANRICODUCCESCHI

Soltanto una irresponsabile volontà di diffamazione può portare a riproporre pseudo-documenti a proposito della famosa "vicenda" della contro-rappresaglia, estrapolata da una intervista di cui ella ha omesso fonti e circostanze, così che la mia reazione alla provocazione sulla liceità delle rappresaglie tedesche e sul modo di contrastarle, è diventata oggetto di occhiuta voglia di censura, tanto che un politico lucchese, tal Fazzi, aveva proposto addirittura alla Provincia di Lucca di denunciarmi. In realtà quella contro-rappresaglia, come si può evincere dai documenti, non è mai avvenuta, tanto meno con la mia partecipazione. Quanto da me affermato è già presente da molto tempo su vari siti internet, e solo una manifesta malafede, oltre che una grande ignoranza, può portare a riproporre argomenti falsi e triti.
Tanto dovevo

Lilio Giannecchini,
fondatore di varie sedi ANPI fra cui Lucca, insignito da autentiche 3 croci di guerra.

http://manricoducceschi.blogspot.it/2012/05/qualche-precisazione.html#comment-form
"sabato 5 maggio 2012
QUALCHE PRECISAZIONE
Pubblicato da La Redazione a 00:43

Pochi ricordano che il Comandante Manrico “Pippo” Ducceschi negli anni subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale presiedette la Commissione Disciplina dell’ANPI di Lucca svolgendo numerose indagini su figure di sedicenti partigiani e fatti della guerra. Giunge pertanto quantomeno curiosa, in questo contesto, l’ultima esternazione del Cav. Lilio Giannecchini su “IL TIRRENO” di Lucca del 3 maggio 2012, in cui dichiara: “Quanto poi all'Anpi è bene che la Sotgiu sappia che io stesso ho contribuito in modo determinante a creare a Lucca la struttura, dando loro una sede.” Sembra quasi dalle sue dichiarazioni che precedentemente al suo arrivo a Lucca negli anni ’80 l’ANPI di Lucca neanche esistesse.

Continua inoltre a sorprendere quando il Nostro afferma: “Vorrei chiedere se sia a conoscenza dell'esistenza in vita di un vero capo partigiano combattente, vice-comandate della Brigata Oreste -Divisione Pinan Cichero -, che salvò le infrastrutture portuali e logistiche di Genova dalla distruzione programmata dai nazifascisti. Sono io, Lilio Giannecchini, detto Toscano, che trattai personalmente col generale Von Meinhold la resa di un'intera Divisione tedesca, e questo dopo aver combattuto sulle montagne liguri per oltre un anno e mezzo, dormendo all'addiaccio e sfidando la morte continuamente.” Nel suo curriculum vitae però gli manca di menzionare la vicenda, da lui stesso vantata, circa la fucilazione di 80 (?) prigionieri tedeschi (?)… Evidentemente, data la veneranda età, si tratta certamente di una svista ed allora noi prontamente ricordiamo l’eroico beau geste:"